Chi è Kopó

Ciao, benvenuto su Teatro Kopó

 

 

Il Progetto

L'idea di affittare un locale, ristrutturarlo facendone una piccola sala teatrale da 50 posti, in una zona molto popolare e popolosa di Roma non è certo quello che in un periodo di crisi caratterizzato dalla chiusura di molti grandi teatri italiani, si può definire un investimento oculato. Siamo convinti però che una rinascita anche economica del nostro Paese non possa prescindere dalla cultura e dagli spazi per promuoverla.

Kopó sa bene che "Non nasce teatro laddove la vita è piena, dove si è soddisfatti. Il teatro nasce dove ci sono delle ferite, dove ci sono dei vuoti. E' lì che qualcuno ha bisogno di stare ad ascoltare qualcosa che qualcun altro ha da dire a lui".

 

La Nostra Missione

Dice Dario Fo: "Oggi gli attori e le compagnie hanno difficoltà a trovare piazze teatri e pubblico, tutto a causa della crisi. I governanti quindi non hanno più problemi di controllo verso chi si esprime con ironia e sarcasmo in quanto gli attori non hanno spazi né platee a cui rivolgersi. Al contrario, durante il Rinascimento in Italia chi gestiva il potere doveva darsi un gran da fare per tenere a bada i commedianti che godevano di pubblico in quantità".

Daremo voce agli artisti e alle compagnie di tutta Italia che faticano ad uscire dall'anonimato e che desiderano portare alla luce la propria arte, che hanno bisogno di spazi per provare e per mettere in scena i propri progetti. Faremo teatro, promuoveremo il teatro.

 

La gestione

L'Associazione Culturale "La Vie Bohème" nasce nel 2010 dalla volontà dei suoi soci fondatori, attori e non che provenienti da diverse esperienze teatrali e di vita decidono di unirsi per fare qualcosa di più, qualcosa che non cambi il mondo ma che, anche se in parte, lo renda migliore.
Non solo incontro di attori quindi, ma la specifica volontà degli stessi di fare e promuovere l'arte nelle sue più diverse forme.

Consci delle difficoltà che questo settore sta attraversando ma certi che in fondo il Teatro ha superato momenti peggiori La Vie Bohème sogna, sogna una cultura diversa, sogna regole più giuste e un pubblico forse più attento.

 

 

LO STAFF DI KOPÓ

 

FRANCESCA EPIFANI - Dir. Artistica
Francesca Epifani

Francesca è brindisina e, dalla tenera età di 3 anni, viene avviata al palcoscenico dalla famiglia che vede il nonno prima e la mamma poi impegnati a tempo pieno nel teatro. read more >>

PAOLO FILIPPONI - Dir. Organizzativa
Paolo Filipponi

Paolo è certamente una colonna portante dello staff del Teatro Kopó. Da sempre attivo nella produzione di eventi, in quanto dotato di ottime capacità organizzative. read more >>

SIMONA EPIFANI - Docente e Organizzazione
simonaepifani teatrokopo

Simona è una venticinquenne brindisina che dedica tutta la sua vita al teatro fin dall'età di 4 anni. Unisce alla sua grande passione lo studio della tecnica.... read more >>

FEDERICA RIBEZZO - Docente corso ragazzi e Organizzazione
federicaribezzo teatrokopo
 
Si avvicina al mondo del teatro e del musical sin da piccola, studia recitazione canto e musical dal 2007 fino al 2015 quando decide di raggiungere Roma read more >>

 

Ufficio Stampa del Teatro Kopó è Pasquale Musella

Ringraziamo Giuseppe Arnone Costanza Levi della Vida per il supporto, l'amicizia e la passione che condivide con il Teatro Kopó dall'inizio di questa avventura.

PERCHÉ KOPÓ

jacques-copeau-vers-1917-b.n.-dept-.-des-arts-du-spectacle

Nel 1913 a Parigi Jacques Copeau, drammaturgo attore e critico francese inaugurava il suo Théâtre du Vieux Colombiers per “reagire contro tutte le codardìe del teatro commerciale” e sostenere una recitazione essenziale, priva di manierismi che riportasse in scena i grandi classici.

Tra alti e bassi, Il Vieux Colombiers è oggi ancora attivo ed è una delle tre sale utilizzate dalla Comédie Française.

A 100 anni esatti da quel 23 ottobre 1913, il piccolo teatro di Via Vestricio Spurinna ha deciso di dedicare il suo lavoro alla figura del maestro francese, nella speranza che il secolo di attività del più famoso predecessore auguri al piccolo Kopó ugual fortuna.